Campionati Gis a Cortina, Saule e Zandonai primi nel gigante


BeFunky-collage.jpgUna ottantina di giornalisti, in rappresentanza di tutte le principali testate, si sono dati battaglia a Cortina alla 76a edizione dei campionati italiani di sci organizzati dal Gis, l’Associazione giornalisti sciatori, presieduta da Francesco Marino.

Nella prova di gigante, disputata il 7 febbraio in una splendida giornata di sole, il primo posto assoluto lo hanno conquistato Andrea Saule (Tgr Rai) e Maxia Zandonia (sempre Tgr Rai). Saule, con il tempo complessivo di 1'18.89 nelle due manches tracciate sulla neve della pista Tondi, al Faloria, ha battuto Luigi Brecciaroli (Radio Arancia) con 1'20.27 e Guido Vaini (Sciare) che ha fermato il cronometro a 1'21.43. Fra le donne Zandonai con il tempo di 1'31.89 ha regolato Chiara Caliceti (Omnia Relations) dietro con 1'33.85 e Roberta Serdoz (Tg3) terza con 1'34.67. 

Andando alle classifiche per categorie la vittoria è andata oltre che a Saule fra i più giovani (seguito sul podio dall'esordiente al Gis, Giulio Gambino di Tpi, e da Jacopo Orsini del Messaggero) a Brecciaroli nella categoria M2 (arrivato davanti a Vaini e Mauro Della Valle, Tviweb). Fra gli over 65 primo posto invece per Fabrizio Dragosei (Corriere della Sera), seguito da Corrado Giustiniani (Il Messaggero) e dal cortinese Massimo Spampani, anche lui del Corriere. Fra le ragazze a imporsi fra le under 50 è stata Caliceti, davanti a Olivia Tassara (Skytg24) e Marzia De Giuli (Tgr Rai). 

Nella gara di fondo a tecnica libera, disputata due giorni prima al centro fondo di Fiames sotto un gelido sole, l'oro è andato a Spampani nella caegoria M3, seguito da Dragosei e Titti Silvestrini. Paolo Buranello (Tuttosport) si è imposto invece nella categoria M2 davanti a Della Valle e Brecciaroli. Fra i più giovani ancora primo Saule davanti a Orsini e Claudio Tito (La Repubblica). Fra le donne nella categoria F1 si è imposta ancora Caliceti, seguita da Zornitza Kratchmarova (Capital) e De Giuli. Nella categoria F2 ha vinto invece ancora una volta la intramontabile Ivana Suhadolch (Rai) che ha staccato la freelance Roberta Mazzeo e Barbara Goio (L'Adige).