Gli Allenatori - Premio Montagnedoc a Sestriere il 29 agosto


sestriere1.jpgIl miglior allenatore e il miglior skiman piemontese verranno premiati il 29 agosto a Sestriere a Casa Olimpia nell'ambito di una giornata di confronto e riflessione sulla montagna organizzata ogni anno dal gruppo Montagnedoc in collaborazione con il Gis.

Gli Allenatori – Premio Montagnedoc è un evento realizzato in collaborazione con il Consiglio Regionale del Piemonte, Uncem, Arpiet, Camera di Commercio di Torino, Fisi, Associazioni Maestri, Università di Torino - Unito e Suism, Turismo Torino e provincia oltre all’Associazione Giornalisti Sciatori Gis che ogni anno indica i nomi dei vincitori del premio.

 

 

Il gruppo Montagnedoc si è ricostituito con l‘obiettivo di fare comunicazione su temi quali montagna per lo sport, turismo e cultura istituendo parallelamente il premio al miglior allenatore e al miglior skiman piemontese di Coppa Europa e Coppa del Mondo. 

L’occasione di incontro diventa ogni anno motivo di riflessione e di confronto su alcuni temi di rilevanza e interesse legati al territorio montano in senso ampio (sviluppo tecnologico, sicurezza, istruzione, gestione delle risorse, alimentazione, produzioni agricole…). E’ una giornata di elaborazione e studio le cui conclusioni saranno motivo per articolare ipotesi di intervento ed eventualmente avviare proposte di legge adeguate.

L’argomento portante di questa edizione 2020 è “Scuola e Sport” . Il binomio “Scuola e Sport” è un elemento che concentra l’interesse di molteplici realtà: istituzionale, sportivo, sociale e questo sia in ambito pubblico sia privato. 

Questi in sintesi gli argomenti dei tavoli di lavoro:

• Scuole aperte allo sport – didattica e distanziamento sociale (Rostagno, Chiavegato, Charret): progetti educativi sinergici fra mondo scolastico e sportivo per realizzazione di percorsi che mettano al centro lo sport, lo sviluppo motorio e l’orientamento sportivo basato sulle attitudini dei singoli. In tale ambito è auspicabile fornire alle scuole adeguati esempi e incontri con testimonial sportivi per ispirare e motivare i ragazzi. Sviluppare modelli comportamentali che favoriscano la presenza fisica nelle scuole e in montagna in modo non contraddittorio per garantire sicurezza e relazioni sociali.

• Scuole di eccellenza sportiva montane (De Marchis, Merlin, Novara, Matheoud): ricerca di modelli formativi per conciliare le esigenze dei ragazzi-atleti e la loro formazione culturale/professionale; allargare l'offerta formativa a tutti gli indirizzi presenti in zona e sostegno strutturale per tutti. Orari flessibili compatibili le attività sportive e gli allenamenti in pista e impianti sportivi, allenamento a secco, recupero, tutoring e telescuola. Coinvolgimento di guide alpine, accompagnatori di media montagna, operatori specializzati in animazione ambientale, maestri di sci, istruttori e volontari del soccorso alpino.

• Scuola e montagna (Bussone, Orleoni, Rustichelli): portare nelle classi l’esperienza sul territorio della montagna. Diventa sempre più essenziale che nelle scuole di montagna si sviluppino percorsi educativi con pratiche operative legate al lavoro, alla manutenzione e alla costruzione di manufatti specifici dell’ambiente. E’ quindi necessario organizzare percorsi didattici teorici e pratici al fine di recuperare tradizioni e cultura dei lavori fondanti di montagna. L’esempio della cura dei muri a secco, della gestione economicamente sostenibile della risorsa bosco possono e devono diventare nuove strategie per procurare lavoro a vasti settori della popolazione e favorire l’integrazione. Il recupero delle borgate abbandonate può diventare una buona strategia se assegnate a coloro che cureranno il territorio.

• Sport e disabilità (Nasi, Jayme): formazione specifica a maestri, tecnici e accompagnatori necessaria per l’inclusione dei disabili fisici e psichici nello sport; accoglienza, infrastrutture e volontariato; promozione e apertura dello sport disabili al pubblico.

Protagonisti dell’incontro saranno ovviamente gli allenatori, i massimi dirigenti della federazione sport invernali, le scuole di sci, sindaci ed esperti nella formazione professionale, dirigenti e docenti degli istituti superiori e universitari, rappresentanti del mondo produttivo, parlamentari, rappresentanti delle associazioni di categoria.

Alle istituzioni presenti all’evento il compito di trarre le conclusioni e consegnare i premi Montagne che saranno offerti dal Consorzio Turistico Langhe Monferrato Roero, Gruppo Alaxi Hotels, NH Collection Piazza Carlina, Starhotels Majestic, Turismo Torino; targhe del Consiglio regionale del Piemonte e vini offerti dalla Regione Piemonte.